Tracce per una creatività pedagogica

Authors

  • Francesco Cappa Università degli Studi di Milano-Bicocca

DOI:

https://doi.org/10.6092/issn.1825-8670/11184

Keywords:

creatività, formazione degli educatori, pratiche formative, evento

Abstract

Il contributo indica qualcosa di essenziale del modo di Riccardo Massa di intendere l’educazione, la formazione degli educatori, il ruolo culturale e politico della formazione universitaria di chi dovrebbe affrontare “creativamente” uno dei mestieri più delicati e complessi che si possano scegliere. 

Un tratto questo, presente fin dagli inizi della vicenda intellettuale di Massa, che era stato immediatamente riconosciuto già alla metà degli anni Settanta del XX secolo da Piero Bertolini. Nella prospettiva di Massa è impossibile non riconoscere una consonanza e una sintonia profonda con il magistero, le ricerche e le imprese culturali e politiche di Bertolini che intrecciava la creatività educativa con una visione fenomenologicamente fondata della progettazione e dell’intenzione pedagogica. Per Bertolini e per Massa il punto cruciale del discorso pedagogico forse sarebbe meglio dire di un’autentica progettualità pedagogica, consiste nell’affermare con forza come fondamentale e irrinunciabile meta educativa da raggiungere il massimo di autonomia possibile per ciascun soggetto. Una progettualità generativa e creatrice di esperienze aperte, dunque, che lavora dialetticamente nell’alveo dei vincoli concreti e materiali per aprire mondi e svelare campi di esperienza inediti.

Alla domanda dell'educatore: come devo fare? La risposta non può che essere: imparare a stare in contatto, attento, con un processo che non smette di costruire “forme di esperienza”. Una poietica e non una poetica dell’educazione, poiché la poiesis indica un campo specifico d’esperienza in cui due forze si fronteggiano: quella dell’idea e quella della materia. Il formatore è colui che compie un gesto, che prende posizione in questo campo di forze e inaugura un processo che mira all’opera e non al vissuto. Ecco perché di fronte al grande tema della creatività pedagogica – che prova a rispondere alla domanda ‘come devo fare?’ – è importante tentare di indicare alcuni tratti del processo creativo che possano fondare una tale poietica dell’educazione.

 

References

Agamben, G. (2015). Avventura. Roma: Nottetempo.

Benjamin, W. (1962). Angelus Novus. Saggi e frammenti. Torino: Einaudi.

Bertolini, P. (1990). Il punto di vista della pedagogia in Autonomia e dipendenza nel processo formativo a cura di P. Bertolini. Firenze: La Nuova Italia.

De Gregori, F. (1972). La Signora Aquilone, Roma: Casa Discografica It.

Deleuze, G. (2003). Che cos’è l’atto di creazione? Napoli: Cronopio.

Dewey, J. (2014). Esperienza, natura e arte. Milano: Mimesis.

Diano, C. (1952). Forma ed evento. in Giornale critico della filosofia italiana, n. V, 1952, pp. 58-77.

Foucault, M. (2011). Il coraggio della verità. Il governo di sé e degli altri II. Corso al Collège de France 1983-1984. Milano: Feltrinelli.

Honneth, A. (2007). Reificazione. Sulla teoria del riconoscimento. Milano: Meltemi.

Massa, R. (1987). Educare o istruire? La fine della pedagogia nell’epoca contemporanea. Milano: Unicopli.

Massa, R. (1999). Una nuova creatività pedagogica. (Intervista a cura di F. Cappa) in Pedagogika.it, n. IV, anno X, pp. 2-9.

Tomasello, M. (1999). The Cultural Origins of Human Cognition. Cambridge (Mass.): Harvard University Press.

Winnicott, D. (2005). Gioco e realtà. Roma: Armando.

Published

2020-08-26

How to Cite

Cappa, F. (2020). Tracce per una creatività pedagogica. Encyclopaideia, 24(57). https://doi.org/10.6092/issn.1825-8670/11184

Issue

Section

Discussions